Statuto di Associazione "Il Labirinto"

 

Art. 1. - E' costituita "Il Labirinto", libera Associazione culturale, con durata illimitata nel tempo e senza scopo di lucro, regolata a norma del Titolo I Cap. III, art. 36 e segg. del codice civile, nonché del presente Statuto. La sede è in Roma, via Voghera 31 int.24. Possono essere aperte altre sedi sul territorio nazionale ed all’estero su delibera del Consiglio Direttivo.

 

Art. 2. - L'Associazione “Il Labirinto” persegue i seguenti scopi: diffondere la conoscenza e la pratica  psicanalitica; promuovere in tale ambito iniziative di ricerca e formazione specialistica, tecnica e divulgativa con particolare riferimento  alle situazioni di disagio; di creare occasioni di incontro, di scambio e di discussione alimentando sinergicamente l’interscambio tra la psicanalisi ed altre pratiche formative quali, esemplificativamente filosofia, letteratura, pedagogia, medicina, arti musicali e figurative.

 

Art. 3. - L'associazione “Il Labirinto” per il raggiungimento dei suoi fini, potrà promuovere ogni  attività ritenuta utile e, in particolare:

  • giornate di studi;

  • seminari;

  • gruppi di studio;

  • convegni aperti al pubblico;

  • iniziative per la promozione della formazione soggettiva individuale o in gruppo;

  • pubblicazioni, recensioni, attività editoriali sia in forma cartacea che in formato elettronico;

  • ogni altra iniziativa, anche economica o finanziaria, finalizzata al raggiungimento dei primari scopi associativi ovvero a quelli strumentale e/o complementare.

 

Art. 4. - L'associazione “Il Labirinto” è aperta a tutti coloro che, interessati alla realizzazione delle finalità istituzionali, ne condividono lo spirito e gli ideali.

 

I soci dell’Associazione si distinguono in

 

soci fondatori: coloro che hanno costituito il sodalizio e coloro che, per meriti straordinari e per il particolare impegno dimostrato nel perseguimento delle finalità istituzionali, saranno denominati tali con deliberazione unanime del consiglio.

 

soci ordinari: persone, enti o istituzioni che condividano gli scopi e le finalità dell’Associazione e che si impegnano per perseguirne i fini sociali soci frequentatori: persone, enti o istituzioni che condividano gli scopi e le finalità dell’Associazione e che si dichiarano interessati ad usufruire delle iniziative istituzionali ed a parteciparvi

 

 

I soci hanno l’obbligo di versare la quota associativa annuale secondo gli importi fissati per ogni esercizio dal Consiglio Direttivo. Le quote o il contributo associativo non sono trasmissibili e non   sono soggette a rivalutazione

 

Art. 5. - L'ammissione dei soci ordinari è deliberata insindacabilmente dal Consiglio Direttivo, su domanda scritta del richiedente controfirmata da almeno un socio fondatore. L'ammissione dei soci frequentatori è deliberata insindacabilmente dal Presidente, su domanda scritta del richiedente controfirmata da almeno un socio fondatore o ordinario

 

Art. 6. - Le risorse economiche dell'associazione sono costituite da:

  • quote associative;

  • contributi;

  • donazioni e lasciti;

  • rimborsi;

  • beni patrimoniali.

 

I contributi degli aderenti sono costituiti da eventuali contributi straordinari stabiliti dall'assemblea, che ne determina l'ammontare.

Le elargizioni in danaro, le donazioni e i lasciti, sono accettate dall'assemblea, che delibera sulla utilizzazione di esse, in armonia con finalità statuarie dell'organizzazione

I rimborsi sono fissati in ragione delle spese da sostenersi riguardo le singole iniziative e sono posti  a carico dei soci che vi partecipano

 

Art. 7. – L’anno finanziario inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

 

Art. 8. – Gli organi dell’Associazione sono:

  • l’Assemblea dei Soci;

  • il Consiglio Direttivo;

  • il Presidente;

  • il Consigliere Tesoriere;

 

Art. 9. – L’assemblea dei soci è il momento fondamentale di confronto, atto ad assicurare una corretta gestione dell’Associazione ed è composta dai soci fondatori ed ordinari, ognuno dei quali ha diritto ad un voto, qualunque sia il valore della quota. Essa è convocata almeno una volta all’anno in via ordinaria, ed in via straordinaria quando sia necessaria o su richiesta dal Presidente o da almeno quattro quinti della somma degli associati fondatori ed ordinari.

In prima convocazione l'Assemblea, sia ordinaria che straordinaria,  è regolarmente costituita con la presenza di almeno la metà più uno dei soci e delibera validamente a maggioranza assoluta dei presenti. In seconda convocazione l'Assemblea, sia ordinaria che straordinaria,  è regolarmente costituita qualunque sia il numero dei soci intervenuti, e delibera validamente a maggioranza assoluta dei presenti su tutte le questioni poste all'ordine del giorno.

La convocazione va fatta con avviso affisso nei locali sociali almeno 15 giorni prima della data dell’assemblea.

Art. 10. – L’assemblea ordinaria ha i seguenti compiti:

  • elegge il Consiglio Direttivo;

  • approva il bilancio preventivo e consuntivo;

  • approva il regolamento interno;

-   approva le iniziative programmatiche e le linee di sviluppo delle attività sociali.  

  • delibera su ogni altra materia generale che le venga sottoposta dal Presidente o dal Consiglio Direttivo.

L’assemblea straordinaria delibera sulle modifiche dello Statuto e l’eventuale scioglimento dell’Associazione.

All’apertura di ogni seduta l’assemblea elegge un presidente ed un segretario che dovranno sottoscrivere il verbale finale.

Art. 11. –  Il Consiglio Direttivo è composto da tre a cinque membri, si riunisce almeno una volta ogni sei mesi o qualora venga convocato dal Presidente o da uno dei consiglieri. E’ l’organo di amministrazione e di gestione della associazione, approva i programmi di attività nel rispetto delle linee e dei programmi tracciati dall’Assemblea, nomina nel  suo seno il Presidente ed il Segretario/Tesoriere, delibera sull’importo delle quote associative e sull’ammissione dei soci ordinari, propone materie da sottoporre all’esame dell’assemblea, redige i bilanci e svolge ogni altra attività o funzione propria. Il Consiglio Direttivo potrà deliberare alla presenza di almeno tre consiglieri. In caso di parità prevarrà il voto del Presidente. Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni ed i suoi componenti sono rieleggibili. Nel caso che, per qualsivoglia motivo, venga a mancare uno o più dei membri del Consiglio Direttivo, il Presidente, entro trenta giorni, convocherà l’Assemblea Ordinaria per procedere alla  elezione dei nuovi membri. Gli eletti dureranno in carica fino alla scadenza naturale dell’organo collegiale al quale appartengono.  

Art. 12. – Il Presidente è eletto in seno al Consiglio Direttivo tra i suoi membri, ha la rappresentanza attiva e passiva dell’Associazione che rappresenta nelle liti e nella stipulazione di contratti e convenzioni con i soci e con terzi, presiede il Consiglio Direttivo e delibera sull’ammissione dei soci frequentatori, con facoltà di delega di tale funzione ad uno dei soci fondatori, dura in carica tre anni ed è rieleggibile. Nel caso che, per qualsivoglia motivo, venga a mancare il Presidente, entro trenta giorni, ad iniziativa di uno o più dei suoi membri, verrà convocato il Consiglio Direttivo per procedere alla  elezione del nuovo Presidente che durerà in carica fino alla scadenza naturale dell’organo monocratico.  

Art. 13.- Il Segretario /Tesoriere è eletto in seno al Consiglio Direttivo tra i suoi membri, svolge funzioni di verbalizzazione delle riunioni del Consiglio, sottopone gli schemi di bilancio all’esame del Consiglio, compila lo stato del patrimonio, detiene le somme liquide di competenza dell’Associazione e provvede alle spese ed ai relativi conferimenti previa autorizzazione del Consiglio e del Presidente con obbligo di rendicontazione, dura in carica tre anni ed è rieleggibile.

         Art. 14. – La qualità di socio si perde per mancato pagamento della quota associativa, trascorsi sessanta giorni dalla scadenza; per comportamenti gravemente contrari allo spirito associativo o in contrasto con le finalità del sodalizio, previa deliberazione del Consiglio Direttivo; per dimissioni, rassegnate in forma scritta ad uno dei membri del Consiglio Direttivo; le dimissioni non necessitano di accettazione.

Modalità Iscrizione

Ti basta versare una quota di €50,00 per frequentare le nostre attività

E se sei uno studente universitario o non hai più di 25 anni la quota per te sarà solo la META'

Chiamaci allo 067029720 o inviaci una e-mail a info@labirintopsicanalisi.eu

 

Attività svolte per anno